AgenPress – Il patto di solidarietà sui ricollocamenti trova nuove adesioni dato che, da quando è stato firmato lo scorso giugno, due Paesi si sono aggiunti e ora conta 23 partecipanti.

E’ quanto emerge da una verifica con gli uffici della Commissione Europea. Ad aderire al meccanismo volontario di solidarietà, infatti, ora sono 19 Stati membri dell’Ue e 4 paesi associati a Schengen.

Ai firmatari originali – Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Croazia, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein – si sono associati anche Danimarca e Islanda.

“Tredici Stati membri hanno accettato di fornire impegni di ricollocazione per oltre 8.000 persone e finora Danimarca, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Svizzera hanno fornito contributi finanziari”, sottolinea un alto funzionario. “Gli impegni continueranno durante l’attuazione del meccanismo”.

Per quanto riguarda le ricollocazioni dall’Italia, un primo trasferimento di 38 persone (tra cui due minori che viaggiavano con le loro madri) è avvenuto il 25 agosto da Bari alla Francia (aeroporto di Basilea-Mulhouse), con il supporto dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni e dell’Agenzia dell’UE per l’asilo. Un altro trasferimento – 74 persone – è avvenuto l’11 ottobre dall’Italia alla Germania (Hannover e Berlino).

L’articolo Migranti. Danimarca ed Islanda si uniscono ai paesi che hanno firmato il patto di solidarietà dei ricollocamenti proviene da Agenpress.



Source link

Commenti