AgenPress – Il primo parco pubblico di Idlib è stato inaugurato il 18 novembre, compreso uno zoo, come parte di una serie di progetti ricreativi in ​​tutta la città.

Youssef al-Sayyed, il direttore dello zoo di recente apertura, ha affermato che il parco comprende anche un parco divertimenti e un ristorante. “Anche se abbiamo portato un gran numero di animali, abbiamo deciso di esporli in più fasi per tenere i residenti con il fiato sospeso”, ha detto. 

Lo zoo sta cercando una licenza dalla Turchia per aggiungere altri animali da paesi come l’Ucraina. Attualmente, ha detto, lo zoo comprende “leoni, tigri, scimmie, struzzi e un gran numero di uccelli. Sono stati portati dall’Iraq e dalla Turchia, e in una fase successiva ci saranno tigre siberiana, cervo, lama, timor e giraffe”.

Ha detto ad Al-Monitor che un team di veterinari e nutrizionisti supervisiona gli animali in conformità con gli standard internazionali e che “tutti gli animali sono completamente vaccinati e collocati negli spazi giusti e sicuri. C’è una sezione di isolamento e anche incubatori artificiali. come formatori con una lunga esperienza nel trattare con gli animali selvatici”. 

Lo zoo è stato molto popolare, ha detto, anche se il traffico pedonale diminuirà con l’avvicinarsi dell’inverno. “Il biglietto d’ingresso al parco è di 10 lire per adulto, ed è gratuito per i bambini sotto i sette anni, i figli dei martiri, gli orfani, i feriti di guerra e le persone con bisogni speciali”, ha detto. “Il biglietto d’ingresso per gli studenti nell’ambito della gita scolastica è di cinque lire a studente”.

“Cerchiamo di guadagnare la fiducia di questi animali nutrendoli con le nostre mani”, ha detto Youssef al-Jisri, un addestratore di animali che è venuto a Idlib dopo precedenti esperienze a Dubai e in Libano. “Cominciano ad abituarsi al nuovo posto e al nuovo addestratore una settimana dopo il loro arrivo. In generale, gli animali hanno il comportamento più aggressivo durante la stagione degli amori o quando danno loro il cibo. Ecco perché evitiamo di farlo quando ci sono visitatori allo zoo.”

Le misure di sicurezza per i visitatori, ha detto ad Al-Monitor, includono una recinzione a distanza di sicurezza, robuste gabbie di ferro, telecamere di sorveglianza e una squadra di risposta alle emergenze. “Avvertiamo inoltre costantemente i visitatori di non avvicinarsi alla gabbia di leoni e tigri, nonostante la forte recinzione della gabbia. Ma questi animali possono attaccare attraverso le sbarre, il che causerebbe gravi danni. Naturalmente, è severamente vietato entrare nella gabbia. ” 

Sono stati aperti numerosi progetti ricreativi e di intrattenimento nel governatorato di Idlib, dove attualmente i campi profughi non dispongono di alcuna opzione di intrattenimento. Più di recente, nella città di Idlib è stato aperto un caffè per donne. 

Mohamad Firas, un visitatore del parco, ha detto ad Al-Monitor: “È un’idea bella e importante per l’area, a cui mancano progetti simili per i nostri bambini. Erano anni che non potevamo portare fuori i nostri figli a causa della guerra, dei bombardamenti e degli sfollamenti. Questi progetti aiuterebbero il progresso della zona. …Non importa la distruzione, i bombardamenti e la tragedia, abbiamo ancora speranza”. Ma la quota di iscrizione di 10 lire turche è costosa , ha detto, “e molti residenti non riescono nemmeno a sbarcare il lunario , il che significa che questi progetti sono limitati a un determinato segmento della popolazione. Ma è qualcosa di nuovo e vale la pena provare, soprattutto perché è gratuito per i bambini”.

Ahmed Saado, un giornalista indipendente di Idlib, ha dichiarato ad Al-Monitor: “Nonostante i molti timori in cui vivono i residenti di Idlib, in particolare i continui bombardamenti e le violazioni dell’accordo di cessate il fuoco, tali progetti ricreativi avrebbero un impatto positivo e ristabilirebbero la speranza giorni tra la gente, specialmente i bambini”.

L’articolo Siria. Ad Idlib apre uno zoo, con leoni, tigri, scimmie, struzzi e uccelli. Tutti gli animali sono stati vaccinati proviene da Agenpress.



Source link

Commenti