AgenPress – Il killer di uno dei gorilla di montagna più noti dell’Uganda, Rafiki, è stato condannato a 11 anni di reclusione.

I gorilla di montagna sono un’attrazione popolare per i visitatori del paese e l’UWA fa affidamento sui turisti per le entrate.

Lo stesso Rafiki era molto popolare tra le persone che erano venute nel Parco nazionale impenetrabile di Bwindi.

Ma i parchi sono stati chiusi durante la pandemia di coronavirus e l’UWA ha affermato che c’è stato un aumento del bracconaggio. Ha contato più di 300 incidenti durante i mesi del blocco, riferisce il Patience Atuhaire della BBC.

Felix Byamukama si è dichiarato colpevole di ingresso illegale in un’area protetta e omicidio di un gorilla. Byamukama aveva precedentemente affermato di essere entrato con altri tre uomini nel Parco nazionale impenetrabile di Bwindi con l’intenzione di cacciare animali più piccoli e che Rafiki lo aveva attaccato, quindi di averlo ucciso per autodifesa, secondo l’Uganda wildlife authority (Uwa).

I gorilla di montagna sono poco più di 1.000 e rischiano di estinguersi. L’Uwa ha affermato che “Rafiki ha avuto giustizia”.

Il gorilla è stato ucciso da un oggetto appuntito che ne ha penetrato gli organi interni. Rafiki è scomparso il primo giugno e il suo cadavere è stato scoperto il giorno seguente da un gruppo di ricerca. Una squadra di Uwa ha rintracciato Byamukama in un villaggio vicino, trovando l’uomo con attrezzatura da caccia.

Gli altri tre hanno negato le accuse e sono stati rimandati in carcere, in attesa di processo. Byamukama sconterà diverse condanne, che hanno portato a 11 gli anni di carcere. Si tratta di una pena molto più benevola di quella all’ergastolo che rischiava di avere. Un portavoce della UwA ha detto alla Bbc che questo non si è verificato perché Byamukama non è stato processato da un tribunale speciale per la fauna selvatica.

L’articolo Uganda. L’assassino del gorilla Rafiki condannato a 11 anni di galera proviene da Agenpress.



Source link

Commenti