AgenPress – “È uno dei raccapriccianti modi di estinzione dei prestiti – o meglio per perpetuarli all’infinito – che stanno utilizzando gli strozzini in questi ultimi mesi”.

E’ quanto si legge sul quotidiano Avvenire in apertura del sito spiegando che “la quarantena ha reso ancora più drammatiche le condizioni di tante famiglie indebitate fino al collo”.

Un fenomeno denunciato nel Casertano dal presidente della Camera di Commercio, Tommaso De Simone, “ma è possibile che altri episodi del genere si stiano verificando in altre zone del Mezzogiorno”, scrive il giornale dei vescovi.

“Se ci sono figli o figlie in età da lavoro, legalmente, maggiorenni o minorenni, lo strozzino – riferisce il Presidente della Camera di Commercio locale – chiede al padre di impiegarli in un’azienda a lui vicina, ma non riconducibile alla sua persona. E in questo modo si paga il debito, se tutto va bene”.

L’articolo Usura. Figli dati in pegno per lavorare in nero e pagare i debiti della famiglia proviene da Agenpress.



Source link

Commenti