Agenpet  – Protetto dalla testa ai piedi in una tuta protettiva bianca, maschera, guanti e stivaletti, il supervisore del controllo del benessere degli animali Sean Gallagher è entrato in un appartamento nel nord-est di Miami alla fine di marzo per prendere in custodia un cane.

 Il proprietario del cane era stato ricoverato in ospedale con coronavirus e Gallagher, insieme agli ufficiali del dipartimento di polizia di Miami-Dade, era a casa dopo che un membro della famiglia di New York aveva chiesto alla polizia di controllare l’animale.
“Il cane era reattivo e spaventato”, ha detto Alex Munoz, direttore dei servizi animali della contea di Miami-Dade . “Ha perso la sua famiglia.”
Il rifugio la chiamò Linda. Presto hanno appreso che il suo proprietario è morto di coronavirus.
Munoz ha detto che Linda è stata la prima cucciola della sua organizzazione a essere abbandonata a causa della pandemia, e uno dei 30 cani e gatti attualmente alloggiati nel rifugio i cui proprietari sono deceduti per coronavirus o sospetto caso di virus.

Linda, un mix di pastori, è stata salvata da Miami-Dade County Animal Services da una casa a nord-est di Miami, dove le autorità hanno stabilito che il suo proprietario è morto di coronavirus.

La storia di Linda si sta diffondendo in tutto il paese, anche in luoghi come New York, che è considerato l’epicentro dell’epidemia in quanto rappresenta quasi un terzo delle morti di coronavirus a livello nazionale. Il Animal Care Center di New York City ha dichiarato di aver accolto più di due dozzine di animali domestici i cui proprietari sono morti a causa di coronavirus, mentre altri salvataggi di animali domestici in città hanno anche aperto i loro centri di adozione
I rifugi per animali si sono svuotati da costa a costa dopo che i governi statali hanno emesso ordini di soggiorno a casa, dato che molte persone che ora lavorano in remoto si sono affrettate ad adottare cani e gatti.
Ora, alcuni rifugi stanno iniziando a vedere un aumento degli animali domestici che sono diventati randagi dopo la morte dei proprietari durante una pandemia.
Tiffany Lacey, direttore esecutivo di Animal Haven, esprime la  preoccupazione. “Sapevamo cosa sarebbe successo”.
Tra gli ospiti di Animal Haven,  Bo. Quando il proprietario  morì di Covid-19, i membri della famiglia non sapevano che farsene di lui. Nessuno poteva accoglierlo permanentemente. Hanno pensato all’eutanasia a causa della sua età. Invece, è stato portato ad Animal Haven, che ora ha più di 30 cani e gatti che hanno perso la famiglia a causa del coronavirus.
“Qualcosa di così triste che sta accadendo in questo momento è la quantità di persone che non hanno affatto quella rete di sicurezza, che sia la famiglia o gli amici” per prendere i loro animali domestici, ha detto Lacey. Bo ha trovato ora una nuova famiglia.
“Sta succedendo ovunque in questo momento”, ha detto Lacey. “Abbiamo salvato un gatto da un appartamento nell’East Village. Il proprietario era stato ricoverato in ospedale e non era più uscito”
Winter, un gatto di 8 anni dal pelo bianco con gli occhi blu-verdi, viveva con il suo anziano proprietario. Il gatto arrivò a Animal Haven dopo che un vicino che aveva lasciato da mangiare per lei venne a sapere della morte del proprietario e contattò il rifugio.
In alcuni casi, i rifugi sono in grado di collegare gli animali domestici con la famiglia.
Kyra Swartz, un’analista di marketing digitale di 33 anni a New York City e volontaria per il salvataggio di gatti, è morta nel suo appartamento a Covid-19. Gli ufficiali del dipartimento di polizia di New York hanno informato i suoi genitori, che hanno raccontato loro del timido gatto di 8 anni di Swartz di nome Anderson.
Gli ufficiali portarono Anderson all’ACC.
I suoi genitori hanno contattato il rifugio, che ha confermato che era Anderson dopo aver scansionato il suo microchip. Dopo una quarantena di 14 giorni, ACC ha facilitato la riunione con l’aiuto di un volontario di un altro salvataggio che ha portato Anderson ai genitori di Swartz.
Anderson ora vive con il fratello di Swartz, sua moglie e i loro due gatti, due ore a nord della città vicino ad Albany.
“Il gatto è stato molto importante per nostra figlia”, ha dichiarato Andrew Swartz, il padre di Kyra. “Non possiamo che elogiare ciò che ACC ha fatto per noi e per la nostra famiglia.”
Anderson è uno dei quasi 60 animali domestici accolti da ACC che sono stati colpiti dalla pandemia di Covid.
“È abbastanza straziante quando qualcuno deve arrendersi a un animale, ma quando vedi un animale portato che è perso e spaventato e sai che non torneranno mai a casa è davvero difficile”, ha detto Katy Hansen, portavoce dell’ACC.
L’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals raccomanda ai proprietari di animali domestici di attuare un piano di emergenza: identificare un amico o un familiare che possa prendersi cura del proprio animale domestico in caso di ammalarsi, disporre di registri veterinari aggiornati e prova delle vaccinazioni, e fare scorta di cibo e farmaci che potrebbero durare alcune settimane.
Il mese scorso, New York City ha lanciato una hotline della task force – 877-204-8821 – insieme a diversi salvataggi di animali, per assistere le persone che hanno bisogno di aiuto per prendersi cura dei propri animali domestici. I servizi vanno dall’imbarco temporaneo alle consegne gratuite di cibo e assistenza medica.
Commenti