Agenpet – Ilaria Fagotto, presidente della Lega Antispecista Italia, è stata vittima di una spedizione punitiva. È accaduto ieri sera alle porte di Catania. Stava rientrando in casa dopo aver portato l’acqua a dei randagi che accudisce. Un uomo con indosso un casco l’ha raggiunta nel suo giardino, l’ha messa a terra e poi presa a calci. Per fortuna a salvarla è intervenuto Falcor, un maremmano, che vedendola in difficoltà ha scavalcato la recinzione e messo in fuga l’aggressore. 

Ho riflettuto a lungo prima di scrivere questo post, ma dacché sono stata vittima di una spedizione punitiva corporale, sicuramente significativa di monito verso qualcuno dei miei interventi di tutela –scrive Fagotto sul suo profilo Facebook – , voglio invitare i vigliacchi mandanti di questo vergognoso gesto al 100% commissionato , occupandomi di centinaia di casi, a farmi anche sapere in qualche modo di cosa si tratta altrimenti mi sa che le vostre legnate lasciano il tempo che trovano.”

E’ un fatto gravissimo – ha commentato la presidente nazionale Enpa, Carla Rocchi – esprimiamo la nostra solidarietà verso la presidente della Lega Antispecista Italia, Ilaria Fagotto, e saremo al suo fianco per ogni esigenza”.

Recentemente – ha affermato in un post Rinaldo Sidoli, portavoce di Alleanza popolare ecologista – ha fatto sequestrare quaranta cavalli maltrattati. Ha fermato il business dei combattimenti illegali con Pitbull e ottenuto il sequestro. Qualche giorno fa ha denunciato la persona che ha sparato al cucciolo di cane a Castiglione di Sicilia. Una donna scomoda, colpevole di difendere e tutelare chi non ha voce.”

Commenti