Agenpet  – Dopo secoli di odio sociale e religioso, i cani di strada in Egitto stanno vivendo una nuova vita agli occhi della gente: un cambiamento dovuto alle idee sempre più ispirate all’Occidente sulla proprietà del cane tra le classi alte e medie del Paese, nonché al loro successo sui social media. Ora volontari armati con reti e freccette tranquillanti organizzano regolarmente battute “di caccia” di cani da strada: li catturano, vaccinano e li sterilizzano prima di riportarli in strada nel luogo in cui vivevano. In alcuni casi vengono anche adottati.

Questi sforzi si stanno facendo strada contro la politica governativa prevalentemente incentrata sullo sterminio con l’uso del veleno. Ma molti veterinari lamentano la carenza di finanziamenti statali e di un quadro giuridico adeguato a proteggere gli animali, il che significa che il futuro dei cani da strada del paese rimane incerto.

Cani randagi vagano in quasi tutti i quartieri del Cairo, spesso nei cantieri edili, scavando nella spazzatura e ululando di notte sulle auto parcheggiate. Il governo dice che ce ne sono circa 15 milioni e sono circa 200.000 le persone ogni anno che vengono morse, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, diffondendo la rabbia, una delle malattie più letali al mondo.

E se questa non fosse una ragione sufficiente per provare repulsione nei confronti dei cani, un famoso detto islamico attribuito al profeta Maometto avverte che “gli angeli non entreranno nella casa dei fedeli se dentro c’è un cane”.

Eppure, dopo secoli di stigmatizzazione, i cani di strada dell’Egitto stanno riscuotendo un’accettazione popolare e, questo includono le adozioni e l’assistenza medica, nonché la sterilizzazione.

«Ho visto un grande cambiamento … le persone vedono un valore nei randagi» ha detto Hegazi, veterinario nell’ospedale nel sobborgo di lusso di Maadi: il 32enne dice che non sta più curando solo cagnolini stranieri, ma anche un numero crescente di cani “baladi” adottati, la razza randagia egizia un tempo insultata. E anche i clienti di fede musulmana accolgono cani di strada.

Alberghi per animali domestici, caffetterie ed emporio di toelettatura stanno spuntando nelle maggiori città egiziane. Un forum di Facebook per i consigli dei veterinari è esploso in una comunità di 13.000 amanti degli animali domestici che scambiano storie di salvataggio vaganti. Dozzine di nuovi rifugi coordinano le adozioni online, inondando i feed di Instagram con immagini di cuccioli abbandonati.

Ciò che è emerso online si sta riversando nelle strade. Alcuni dei quartieri più benestanti del Cairo si stanno mobilitando con squadre per la sterilizzazione. Attività alternative all’Organizzazione generale per i servizi veterinari, un braccio del ministero dell’agricoltura, che invece invia regolarmente operatori per uccidere i randagi spargendo veleno nelle strade durante la notte.

«È un modo orribile di morire», ha dichiarato Mohamed Shehata, fondatore di Egyptian Vets for Animal Care, il primo programma di sterilizzazione del paese.

L’organizzazione governativa in un recente rapporto ha descritto i cani di strada come una «bomba a orologeria che minaccia i nostri bambini» e ha difeso l’«uccisione misericordiosa di cani dannosi per le persone», citando la legge islamica.

Dopo che i francesi invasero l’Egitto nel 1797, le truppe di Napoleone Bonaparte trascorsero due notti a sparare a tutti i cani di strada del Cairo a causa del rumore del loro abbaiare. Secondo lo storico americano Juan Cole, erano probabilmente impiegati come cani da guardia nei vicoli tortuosi della città. Le principali campagne di eradicazione dei cani in Egitto derivavano dalla crescita esplosiva della città nei primi anni del 1800, quando i cani divennero spazzini degli onnipresenti cumuli di immondizia del Cairo, ha affermato Alan Mikhail, professore di storia ottomana all’Università di Yale. Come parte di una spinta all’igiene pubblica, le autorità hanno deciso di ucciderli sparando loro o avvelenandoli in massa.

In questi giorni, tra gli esperti sta emergendo un consenso sul fatto che «il veleno non è una vera soluzione alla diffusione della rabbia o alla sovrappopolazione animale», ha affermato Shehata. Una sostanza tossica chiamata citrinina viene utilizzata per uccidere i cani, ma la maggior parte finisce per penetrare nel terreno e nel cemento, avvelenando giardinieri, operai della spazzatura e bambini che giocano per strada. L’abbattimento dei cani di strada non impedisce la diffusione della malattia, ha aggiunto, poiché oltre il 70 per cento della popolazione randagi deve essere vaccinato per raggiungere l’immunità di gregge.

Shehata ha descritto gli sforzi di sterilizzazione come «un modo più umano, scientifico ed efficace» per regolare i randagi del paese. Il suo gruppo ha dato il via alla prima campagna di vaccinazione contro la rabbia di massa in Egitto questo mese, ispirata all’obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di eliminare le morti umane dovute alla rabbia trasmessa dai cani entro il 2030.

I volontari pagano e sterilizzano anche i randagi presso la clinica. I cani vengono poi lasciati nel punto in cui sono stati catturati, con una tacca nell’orecchio per mostrare che sono stati sterilizzati. Il modello viene replicato in almeno cinque distretti centrali del Cairo, dove gruppi locali affermano di aver visto stabilizzare o diminuire le popolazioni di cani e che la minaccia della rabbia diminuisce, anche se il governo non rende pubbliche le cifre dell’infezione da rabbia.

I cacciatori di cani spargono ancora veleno nel cibo e chiedono l’intervento degli sterminatori del governo, ha detto Rasha Hussein, un residente di Maadi che gestisce un centro di addestramento veterinario fuori dal Cairo. Ma ha detto che gli sforzi di gruppi come Evac hanno incoraggiato la compassione della gente: i residenti ora coordinano le consegne dei pasti e i controlli medici per i cani. Solo cinque anni fa, i volontari dell’Evac erano stati cacciati dai residenti del quartiere. Shehata afferma che i suoi team hanno curato circa 10.000 cani randagi negli ultimi anni.

La spinta dell’Egitto segue i successi in paesi in via di sviluppo simili e sperano che i sostenitori del benessere degli animali sperano che questi successi possano innescare un movimento mondiale per la difesa dei randagi. (tratto da lazampa.it)

Commenti