Agenpet – “La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha avviato un procedimento penale 14530/19 convertito in NRG 13043/2019 P.M. Desirè DIGERONIMOa seguito della denuncia-querela del Partito Animalista Europeo avverso l’ex Ministro della Salute, On. Giulia Grillo, per omissioni d’atti d’ufficio”.

E’ quanto si legge sulla pagina Facebook del Partito Animalista Europeo

“I fatti afferiscono al Tavolo tecnico-scientifico del Ministero della Salute sui metodi alternativi alla Sperimentazione Animale, di cui il Partito Animalista Europeo ne era membro componente. Nell’ultima riunione del Tavolo del 7 gennaio 2018 è rimasta inevasa la discussione prevista dall’ Odg afferente “Esame della tabella con i dati relativi ai fondi utilizzati per l’attività di ricerca e sviluppo di metodi che non prevedono l’impiego di animali vivi, né di animali soppressi per fini scientifici.” Nonostante i reiterati solleciti formali, i dati relativi alla ripartizione dei milionari finanziamenti pubblici agli enti di ricerca privati e pubblici sono stati negati e secretati dal Ministro Grillo per tutta la durata del suo mandato, sebbene il P.A.E. avesse interessi nel procedimento amministrativo.

“Il fatto è ancor più disdicevole considerato che il M5S, di cui l’ex Ministro è tutt’oggi membro della Camera dei Deputati, ha ottenuto tutto il proprio consenso al grido di onestà e trasparenza all’insegna dello streaming. – dichiara il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli – Riscontriamo, di contro, che quando ricoprono gli scranni del potere i fatti non seguono le parole. L’ex Ministro Grillo evidentemente ha voluto coprire alcune situazioni scomode per il Governo a favore delle lobby della vivisezione ma danno dell’intera collettività.”

Commenti