Agenpress – A due mesi dal lancio della nostra campagna della #CHIMALTRATTAPAGA, per ottenere pene più efficaci contro maltrattamenti e uccisioni di animali, oggi la Commissione Giustizia del Senato inizia l’esame dei Disegni di Legge presentati da esponenti di tutti i gruppi parlamentari.

“Esprimiamo soddisfazione per questo primo necessario e concreto passo previsto dal contratto di Governo, con l’augurio che la nuova Legge sia approvata presto e bene, come chiede tutta l’Italia civile – ha detto Gianluca Felicetti, Presidente LAV –chiediamo, in particolare, una nuova disciplina della confisca obbligatoria, al fine di impedire che l’animale resti in custodia e nella disponibilità del suo aguzzino come purtroppo accade spesso; una previsione più dura di reclusione, e multe per chi maltratta animali (con aggravante se in presenza di minori) perché possano essere deterrenti; che venga introdotto il reato di strage di animali, per contrastare le uccisioni di massa di animali, come ad esempio nei casi di avvelenamento; che la “tenuità del fatto” e la “messa alla prova” non siano più applicabili ai reati contro gli animali; oltre al riconoscimento e la valorizzazione della funzione dei Centri di accoglienza degli animali sequestrati e confiscati”.

La Relatrice Riccardi (M5S) con la Commissione di Palazzo Madama esaminerà i Disegni di Legge n.76 (De Petris/LeU-Giammanco/FI-Cirinnà/Pd), 81 (De Petris-LeU), 298 (Giammanco e altri FI-FdI-M5S-Pd), 360 (Cirinnà/Pd-Giammanco/FI), 845 (Urso e altri FdI), 1030 (Sbrana – Lega) e 1078 (Perilli e altri M5S).

A sostegno di queste iniziative legislative, continuiamo la raccolta firme sulla petizione #CHIMALTRATTAPAGA, indirizzata al Governo oltre che al Parlamento, che ha già raccolto quasi 50mila sottoscrizioni.

FIRMA ORA!

Commenti