Agenpress – Ha riempito di frustate il suo cavallo, Arazi Boko, tanto da suscitare l’indignazione di tutti gli amanti dei quadrupedi, perfino nella lontana Scandinavia, dove la cultura del rispetto per questi meravigliosi animali è più radicata che da noi. Daniel Reden, top trainer internazionale svedese, ha detto: “Fate l’impossibile per fermare il terribile uso della frusta visto a Napoli”.

Il triste episodio ha avuto come protagonista Alessandro Gocciadoro, driver nella 70esima edizione del Gp Lotteria di Agnano (Napoli), multato per aver percosso platealmente il suo cavallo come hanno fatto altri due fantini, seppur in maniera minore. Al termine della corsa di trotto Gocciadoro si è scusato dicendo che cambierà “stile di guida”. Eppure c’è chi, più realista del re, continua a difendere Gocciadoro: “Viene da pensare – scrive Vincenzo Pizzicato sulla pagina Facebook “Troppo che Passione” – che (gli scandinavi) non aspettavano altro,visto che Alex ogni volta che va in Svezia domina spesso e volentieri le loro corse. Ha sbagliato ed ha chiesto scusa,ora farlo passare come il male dell’ippica europea mi sembra troppo”. (nelcuore.org)

Commenti